NON CI PIACE

Lo diciamo subito, senza giri di parole: quel lavoro non ci piace. Non si tratta di "bello" o "brutto", a noi non piace il modo in cui è stata trattata una testimonianza materiale della nostra identità. Il largo Fossi è la rappresentazione stratigrafica della nostra storia - dal periodo sannita al XIX secolo passando per il medio evo - ma è anche il luogo della memoria per tanti di noi, che abbiamo giocato a calcio, a "mazza e pieuso", con lo strummolo, che abbiamo volteggiato sulla giostra del "calcinculo" o riso coi saltimbanchi.

Oggi, nel nobile intento di riqualificarlo, ce lo ritroviamo privato dei suoi segni distintivi. Hanno trasformato una delle poche torri rimaste fra quelle di cui erano dotate le mura cittadine, in un barbacane! Ma hanno pasticciato anche con la lettura stratigrafica di quanto rimaneva della cinta muraria esistente.

Per colpa di chi? Non è facile ammetterlo, ma la prima responsabilità è da imputare a noi cittadini che non abbiamo esercitato il diritto all'informazione e alla partecipazione su quanto si stava per realizzare.

Certo, è lungo anche l'elenco di coloro che sono stati retribuiti per usare al meglio le loro competenze in questo intervento di restauro: il progettista, il direttore dei lavori, l'archeologo incaricato dal Comune, i tecnici della Soprintendenza archeologica e quelli della Soprintendenza per i beni storico-architettonici.

Noi non sappiamo dove siano le responsabilità tecniche o quelle amministrative, ma a tutti diciamo di sentirci offesi per quanto è stato fatto.

L'Associazione Storica del Caiatino

L'Osservatorio per i Beni Culturali dell'area Caiatino-Trebulana


intervento

largo fossi

particolare torre1

particolare torre2


 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy